5.9.08

Momenti di ozio

Riconosco quegli anni pallidi
quei mesi vuoti e di valore nullo
e li ripenso e li comprendo
solo ora in questa stanza
conversando con me stessa.


Vivo un nuovo germogliare
come un bulbo ai confini di un inverno che
lascia soltanto un leggero ricordo,
una frazione di secondo in cui rivive
e poi sparisce,
inghiottito dal calore di una nuova primavera.


Ma anche il fiore come l’inverno
prima o poi sfiorisce.


E la sua bellezza decade
in un marcire di grinze accartocciate
e rinsecchite e ricoperte di polvere nuova,
quasi trasparente.

2 comments:

Fabio Padovan said...

Leggo il sottotitolo del tuo blog, e vedo che... che dire, vorrei chiederti un parere sul mio, umile parere.

Chi sono dei due? Un cretino oppure un poeta?

:) ciao.

G I A D A said...

ehy, grazie per il commento!
Bellissima l'idea del moleskine online e ancor di piú l'audio poesia su myspace, davvero.
Penso che un vero poeta dice sempre le cose come stanno, senza filtri, magari attraverso immagini o parole enigmatiche, ma pur sempre si espone. Leggo le tue parole e rivedo pienamente questo concetto.
In realtá lo rivedo soprattutto nella tua prosa, nei tuoi messaggi, sono molto poetici.
Cmq io mi sento tanto piú cretina che poeta...ma oramai scrivere poesie fa parte del mio metabolismo e sono un'occasione per sentirmi viva. Adoro la continuitá delle cose...

POESIA E FOTOGRAFIA

This is a poetry and photography space.